Professionisti DILA APS 20240405 – Il Dispari: Liga Lapinska

Grazie!

Professionisti DILA APS 20240405 – Il Dispari: Liga Lapinska

Professionisti DILA APS 20240405

Professionisti DILA APS 20240405

Liga Sarah Lapinska intervista Sadulla Davletov del Turkmenistan:

Professionisti DILA APS 20240405 - Il Dispari: Liga Lapinska

Peccato che in Italia la cultura turkmena non sia ancora molto conosciuta” seconda parte

Liga Sarah Lapinska:
Come valuti il ​​processo di globalizzazione nell’arte?
Sadulla Davletov:
La globalizzazione dell’arte mondiale e lo scambio di tradizioni culturali, a mio avviso, è un processo naturale e necessario che ha origini nelle civilizzazioni più antiche. 

I Neanderthal, che vivevano in Asia Centrale e anche nel territorio del mio nativo Turkmenistan, non solo sapevano accendere il fuoco, ma dipingevano anche sulle pareti delle caverne e non sono vissuti in completo isolamento. 

Entravano in contatto con altre specie umane, scambiando le loro esperienze su ciò che stava accadendo in quel momento.

I leader e gli eroi che uniscono tribù e fondano imperi sono nati e nasceranno in futuro.

Sono nati e stanno nascendo anche gli artisti, grandi maestri che, con ciò che creano, servono  all’umanità intera, indipendentemente dal loro Paese, dalla nazionalità, dalla diversità linguistica e dalla loro religione. 

Grazie alla globalizzazione e alle relazioni internazionali, l’arte unisce  le persone più fortemente.

Liga Sarah Lapinska:
Qual è il tuo concetto di arte?
Sadulla Davletov:
Tra i fondatori della storia dell’arte come scienza ci sono molti artisti professionisti italiani. 

Sono sempre stati i miei modelli nella vita, ad esempio, Sandro Botticelli, Michelangelo, Raffaello Sanzio, Caravaggio, Tiziano.

Adoro i cantanti italiani.

In Turkmenistan la musica italiana è diventata popolare grazie ai Festival di Sanremo negli anni ’80.

Ad esempio Toto Cutugno, Al Bano e Romina Power, Adriano Celentano, il tenore modenese Luciano Pavarotti.

Le canzoni italiane mi ispirano spiritualmente quando dipingo.

Mi è molto vicino Makhtimquali Faraghi (nato in Iran, nella provincia del Golestan, nella steppa, detta Turkmen Sahra) poeta, illuminato, leader spirituale e gioielliere.

L’argentiere Makhtimquali Faraghi, per tutta la vita si è impegnato nell’educazione della gente semplice;  ha studiato molto e viaggiato molto in tutta l’Asia; “Faraghi” è il suo pseudonimo, perché un tempo tutti gli artisti lo adottavano. 

“Faraghi” significa “libero” in persiano.

Ha scritto in persiano, arabo e turkmeno. 

Lo studioso persiano e poeta laico Omar Hayam era il suo ispiratore più importante.

Makhtimquali, considerato come il fondatore della letteratura turkmena, scrisse le sue poesie in koshun pantomima, in cui furono composte la maggior parte delle canzoni popolari turkmene.

Ecco perché i bardi e, allo stesso tempo, gli sciamani del popolo turkmeno, chiamati bakshy, possono facilmente cantare versi di Makhtimquali. 

La sua poesia è diventata canzone del popolo turkmeno e le sue riflessioni scritte sono diventate proverbi popolari.

Si oppose alla corruzione dei nobili e dei gran signori ecclesiastici, tanto da essere considerato addirittura come un santo.

Peccato che in Italia lui e la cultura turkmena in generale non siano ancora molto conosciuti.

Auspico che tu traduca in italiano sempre più opere turkmene e uzbeke e che vengano pubblicate in italiano anche, per esempio, nella bella pagina culturale del quotidiano Il Dispari per la quale sono onorato di rilasciare questa intervista esclusiva.

Consiglio ai giovani Artisti turkmeni e uzbeki di partecipare con crescente entusiasmo ai concorsi artistici indetti in Italia, con particolare attenzione verso il Premio internazionale di Arti varie “OTTO MILIONI”, che so essere stato ideato dal poeta Bruno Mancini e che attualmente è organizzato dall’Associazione di promozione Sociale “Da Ischia L’Arte DILA APS”.

Professionisti DILA APS 20240405

Professionisti DILA APS 20240405 - Il Dispari: Liga Lapinska

Professionisti DILA APS 20240322

Professionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga Sarah Lapinsk

Liga Sarah Lapinska intervista l’Artista universale

Ajub Ibragimov (ultima puntata)

Liga Sarah: vorrei chiudere questa intervista che, tramite me, stai concedendo in esclusiva al quotidiano IL DISPARI Diretto da Gaetano Di Meglio per la pubblicazione nella pagina culturale la cui Redazione è stata affidata alla nostra Associazione di Promozione Sociale “Da Ischia L’Arte DILA APS chiedendoti tre cose: 1) come descrivi la tua Arte 2) quali sono i tuoi colori preferiti 3) come vuoi salutare i lettori del nostro giornale.

 Ajub: Traggo ispirazione dall’energia del Cosmo e della natura circostante, inesauribile ed eterna.

Utilizzo le opportunità del mondo digitale e ho sviluppato lo stile di pittura Ebru, che permette di praticare la pittura alle persone che hanno recentemente iniziato a dipingere, ai disabili, con vari tipi di tecniche intuitive di arte fluida.
C è tutto nel mondo digitale.
Claude Monet non era solo un pittore dell’impressionismo, ma ha attirato l’attenzione sul fatto che i colori influenzano il nostro stato psicologico e sono terapeutici.

Spiegava la luce e le sue regole.

Egli ha organizzato il suo giardino come una tavolozza di colori evitando i toni del nero.

Per lui i colori freddi danno l’illusione della stranezza, invece le foglie verde chiaro sono donatrici, e quelle verde scuro sono consumatrici di energia.
I colori verde, viola, dorato e lilla hanno un grande effetto terapeutico.
Il colore verde indica la presenza di diverse specie di clorofilla, indispensabili per la vita.
I miei colori preferiti sono l’oro, che guarisce il dolore dell’anima, così come tutte le sfumature di verde e bianco con il suo ottimismo.
Neanche a me piace il colore nero.

Sopprime e ci fa sentirci senza speranza.

Non ha radiazioni proprie.

Non sento la competizione nell’Arte.
L’ambiente digitale unifica e globalizza.

Il mondo digitale, come l’algebra e la geometria, è infallibile.

L’applicazione dell’intelligenza artificiale nell’arte è molto stimolante.
In un ambiente virtuale in cui tutti i processi avvengono rapidamente è facile perdere l’individualità.
Non sappiamo più meditare.
Perdiamo fiducia nelle vibrazioni, nel potere, nella memoria, nell’eternità dell’arte, nelle parole che diciamo, nella musica intera e nei segni del destino.
Sì, c’è una polarizzazione, una pressione del mondo digitale e della nostra vita quotidiana.

La creatività aiuta a fondere la realtà digitale con la nostra realtà quotidiana.

Alla fine, voglio dedicare agli affezionati lettori di IL DXISPARI una canzone profondissima del bardo noto caucasico, nato a Mosca, Bulat Okudzhava, dedicata a tutti gli artisti che dice:

Se vuoi diventare un pittore, a dipingere non affrettarti.
Poni davanti a te diversi pennelli,
prendi la vernice bianca, perché questo è l’inizio,
poi prendi la vernice gialla, perché tutto sta maturando,
poi prendi la vernice grigia in modo che l’autunno schizzi nel cielo il plumbeo,
prendi la vernice nera,
perché ogni inizio ha la sua fine,
prendi la vernice viola
più generosamente, ridi e piangi.
E poi prendi la vernice blu in modo che voli la sera
un uccello proprio nel palmo tuo,
prendi la vernice rossa in modo che la fiamma svolazzi,
poi la vernice verde prendi
per gettare un ramoscello in un fuoco rosso.
Mescola tutti quei colori come le passioni nel tuo cuore
e poi mescola quei colori e il cuore tuo con il cielo, con la terra, e dopo…
L’importante è bruciare e, bruciandoti, non lamentarsi per questo.
Forse qualcuno all’inizio ti condannerà, ma più tardi non dimenticherà!

Liga Sarah: la canzone testimonia molto bene la personalità di Ajub e descrive bene sia la sua tavolozza di colori chiari nell’arte, sia il massimalismo del suo stile di vita.

Professionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga LapinskaProfessionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga Lapinska Professionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga Lapinska Professionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga Lapinska Professionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga Lapinska

Professionisti DILA APS 20240322 - Il Dispari: Liga Sarah Lapinsk

Professionisti DILA APS 20240315

Liga Sarah Lapinska intervista l'Artista universale Ajub Ibragimov (terza puntata)

Liga Sarah Lapinska intervista l’Artista universale

Ajub Ibragimov (terza puntata)

Liga Sarah: Diventa sempre più interessante la tua disponibilità ad esprimere la concezione che hai del rapporto Arte/Artista anche nella prospettiva della commercializzazione dei prodotti che, lo sappiamo bene, incontrano molte difficoltà ad essere venduti, a meno che non ci si affidi alle organizzazioni mercantili (Editori, Galleristi ecc.) che, molto spesso, speculano piuttosto che promuovere.

Ed è anche per questo che ribadisco il ringraziamento da parte di tutta la Redazione culturale del quotidiano Il Dispari diretto da Gaetano Di Meglio per l’intervista che ci stai concedendo, in esclusiva, per la pubblicazione nella pagina della quale è stato concesso il privilegio della redazione alla nostra Associazione di Promozione Sociale “Da Ischia L’Arte DILA APS.

E allora proseguo chiedendoti: cosa associ all’Arte digitale?

Ajub: Sono io che ringrazio Bruno Mancini Presidente DILA APS per aver accolto la tua proposta di pubblicare questa mia intervista perché, anche quando si ha, come me, la fortuna di essere considerati Artisti di tendenza (da parte certamente del pubblico e in maniera non saltuaria anche dalla critica) non è agevole trovare spazio giornalistico per esporre, nei dettagli, concetti e motivazioni.

Non lo è nella mia Patria, non lo è nella importante Nazione in cui vivo… ed è quindi molto gratificante poterlo fare in Italia, universalmente considerata una Culla dell’Arte.

La digitalizzazione significa la globalizzazione con i suoi vantaggi e svantaggi, contrasti ed uguaglianze.
Con un’aspirazione al futuro, futurismo e condizionalità.
La legge comune tridimensionale è soprattutto visibile nella grafica.
In essa pongo anche la calligrafia, che creo riscontrando particolare rispetto dagli intenditori dell’arte araba e persiana antica.
Vorrei dire che nell’arte degli ornamenti si possono distinguere diverse direzioni.

Cinese, con il drago come il simbolo principale.
Tipici simbolismi buddista sono il fiore di loto, la ruota del Dharma e due pesci. 

Come nel taoismo e nello shintoismo, viene sottolineata l’unità delle persone con la natura.
Ma il buddismo ha influenzato molto anche il simbolismo cinese con tutti i suoi attributi e il culto della natura.
Arabo e Persiano, ad esempio sui tappeti e nelle miniature, con la rappresentazione stilizzata di piante, fiori e talvolta uccelli, nonché vignette delle lettere dell’alfabeto arabo, calligrafia araba tipica.

Il simbolismo creato dalla Chiesa ortodossa ove di solito sono rappresentate la croce, i martiri con uso abbondante del colore oro come nelle icone bizantine e nei dipinti del Primo Risorgimento.
Il simbolismo americano ed europeo, più moderno, utilizza spesso immagini delle popolazioni indigene d’America, per esempio, l’occhio dello sciamano, la freccia, la farfalla, l’orso. 

Spesso i suoi simboli attuali sono uguali a quelli degli antichi Celti, Vichinghi, Greci e Romani.

L’alchimia è lo studio delle interazioni in natura, della trasformazione, della nostra capacità di cambiarci.. 

La grafica ci aiuta a percepire più facilmente il messaggio del Cosmo e della natura circostante.
Credo nella connessione delle persone con il Cosmo e le stelle. 

Credo che, quando siamo pieni di energia creativa e idee, possiamo creare capolavori immortali.

Liga Sarah Lapinska

Professionisti DILA APS 20240315

Direttore Gaetano Di Meglio

Pagina a cura di Bruno Mancini

Capo Redattrice Angela Maria Tiberi

Professionisti DILA APS 2023 – Calendario pubblicazioni 

IL DISPARI & DILA APS rubrica Professionisti

CS IL DISPARI & DILA APS

DILA APS

DILA APS

Professionisti DILA APS 2023 – Calendario pubblicazioni 

CS IL DISPARI & DILA APS

Professionisti DILA APS 2023 – Calendario pubblicazioni

Il Dispari DILA APS Rubrica Professionisti

Professionisti DILA APS 20240308

Visits: 2

Lascia un commento